Ristorante

Si parte dalla tradizione per poi abbinare tecnica e sperimentazione, frutto di studio e un considerevole numero di prove. Ogni ricetta nasce da un odore, ricordi del passato, e poi il tutto rivisitato.


Alcune volte non si pensa, si sperimenta e basta, seguendo le idee che si rincorrono. Spesso capita, come si evince nei racconti dello chef Lorenzo Ruta, che immagini, al pari di fragranze, per giorni rimangono nella mente e vengono idealmente inseguiti sin quando non viene conferita la giusta dimensione a quell’intuizione che diviene una ricetta. Il passaggio successivo riguarda la costante ricerca da compiere per completare progressivamente il piatto. Dopo tanti test, si verificano quali le componenti mancanti e quali accorgimenti adottare per completare il piatto che entra di diritto in carta. Il menu proposto da Taverna Migliore interpreta l’identità dei luoghi, invitando ad un approccio ludico con il cibo. È un menu facile da gustare, da far proprio e da interpretare. Sono state inserite componenti giocose ed una costante ricerca delle eccellenti materie prime che il territorio offre, puntando su una filiera cortissima, come a dire, dal produttore al consumatore con un passaggio intermedio in cucina. Le paste sono artigianali. I prodotti selezionati da fornitori di fiducia. I menu, che cambiano più volte nel corso dell’anno, tengono conto della stagionalità dei prodotti e spesse volte ai piatti inseriti in menu, ne vengono accostati altri che cambiano di giorno in giorno, in base al reperimento di alcune materie prime, le stesse che alcune volte solleticano la fantasia per nuove creazioni di gusto.